fbpx

Olivette di Sant’Agata

Olivette di Sant’Agata

Le olivette di Sant’Agata rappresentano, insieme alle cassatelle, o minnuzze di Sant’Agata il dolce simbolo della santa patrona di Catania che si festeggia il 5 febbraio.

Un momento caratteristisco per la mia città, di grande cultura, storia e devozione che viene vissuta anche grazie alla tradizionale pasticceria catanese.

Ho scoperto con molto piacere che le olivette di Sant’Agata sono dei dolci tipici che nella ricetta originale non riportano ingredienti di origine animale, quindi sono senza latte, burro, uova e derivati.

Le olivette di Sant’Agata vengono realizzate con pochi ingredienti, solo zucchero, mandorle e aromi, impastate e subito pronte. Non richiedo cottura ma solo un leggero riposo in frigo prima di essere servite.

Le olivette di Sant’Agata si ispira all’agiografia che conosciamo sul martirio della giovane santa patrona catanese in cui si racconta come Sant’Agata si rifugiò dietro una pianta di olivo selvatico per fuggire dalle guardie di Quinziano. La stessa pianta di ulivo le diede i frutti per sfamarsi.

Questo, come altri episodi che narrano la storia di Sant’Agata, racchiudono una tradizione che la città di Catania rappresenta anche attraverso i dolci, come le famose minnuzze di Sant’Agata, emblema del martirio della santa alla quale furono strappati i seni.

Ancora un a volta storia e tradizione raccontano attraverso i dolci la propria cultura e in questo caso la grande devozione per Sant’Agata, festa conosciuta in tutto il mondo e che ogni anno richiama l’attenzione di milioni di visitatori e devoti.

Le olivette di Sant’Agata rappresentano più che mai, grazie agli ingredienti che li compongono, il simbolo della non violenza verso ogni essere vivente, e la fine del martirio che la nostra santa patrona ha patito per amore della libertà.

Consigli per le olivette di Sant’Agata

  • Scegli una farina di mandorle possibilmente siciliana. Le mandorel siciliane hanno un sapore caratteristico adatto a questo tipo di preparazione
  • Non utilizzare zucchero di canna integrale o grezzo perchè coprirebbe troppo il sapore della mandorla e dell’olio essenziale di limone
  • Dosa la farina e l’acqua secondo l’impasto che dovrà essere facilmente lavorabile con le mani

PORZIONI: 6/8  ¦    COSTO: basso   ¦   DIFFICOLTÀ: bassa

Ingredienti per le olivette di Sant’Agata

  • 250 g di mandorle tritate finemente
  • 250 g di zucchero
  • 30 g di malto di riso
  • 40 g di acqua
  • 20 g di olio essenziale di limone
  • Colorante naturale verde q.b. (da spirulina o spinacio o matcha)

In un pentolino sciogli lo zucchero con l’acqua, il malto e il colorante alimentare a fiamma bassa. Unisci le mandorle ed impasta con le mani fino ad ottenere un composto lavorabile. Se dovesser risultare troppo morbido abbiungi poca farina di mandorle, o viceversa, poca acqua.

Profuma l’impasto con poche gocce di olio essenziale di limone.

Ricava dei cordonici con l’impasto delle olivette di Sant’Agata, taglia a tocchetti e passando l’impasto tra le mani, forma delle sfere leggermente allungate.

Passa ogni olivetta di Sant’Agata nello zucchero semolato e riponi in un vassoio. Lascia in frigo un paio d’ore prima di servire.

 

Riepilogo
recipe image
Ricetta
Olivette di Sant'Agata
Chef
Pubblicata il
Tempo di preparazione
Tempo di cottura
Tempo totale